missione safa

Sito di informazione della missione di Safa dei Canonici Regolari Lateranensi

Un altro mondo è possibile: si apre in Africa il World Social Forum 2007

Posted by francescoi su gennaio 20, 2007

Quest’anno si svolge in Africa (Nairobi, Kenia) il World Social Forum (o Forum Sociale Mondiale, FSM): si tratta del più importante incontro mondiale delle ONG e dei movimenti sociali che si oppongono alla globalizzazione neo-liberista.

Nato come risposta al Forum economico di Davos, che si tiene nello stesso periodo, l’FSM si è svolto per la prima volta nel 2001 nella città brasiliana di Porto Alegre.

Lo slogan che ha accompagnato tutte le edizioni dell’FSM è «Un altro mondo è possibile».

«Il forum potrà contribuire a rafforzare la società civile in Africa, a lungo repressa da regimi dittatoriali», afferma Carlo Sommaruga, parlamentare federale.

«Un altro mondo è possibile» e ancora «umanità e risorse non solo miseria» e «Diamo voce all’Africa e alla sua sete di giustizia»: questi gli striscioni alla testa del corteo che ha aperto la Marcia della Pace a Nairobi, in Kenia. Decine di migliaia di attivisti hanno attraversato le baraccopoli della città dando ufficialmente il via, con un imponente e colorato corteo, al settimo Forum Sociale Mondiale che, per la prima volta da Porto Alegre 2001, si svolge in Africa.

–>>

Per cinque giorni la città kenyota diventerà la capitale dell’altro mondo possibile. La marcia è partita da Kibera, la più grande baraccopoli africana, alle 11 ora locale (le 9 in Italia) per arrivare nel parco della libertà di Nairobi (Uhuru Park).

Il corteo, lungo tre chilometri con oltre 80.000 mila persone, si è svolto in un clima generale di festa, tra canti e balli. Tanti gli slogan che chiedono pace e giustizia, tante le speranze di chi ha preso parte alla manifestazione.

Ma il summit di Nairobi rappresenta in qualche modo un passo importante anche per l’Italia che ha partecipato in maniera attiva alla sua realizzazione fornendo un quarto dei fondi complessivi che ne hanno permesso la realizzazione. «Non è solo una questione di finanziamenti», spiega Paolo Beni, presidente nazionale dell’Arci, che ci tiene a descrivere uno dei progetti più significativi del forum: una rete mondiale di soggetti diversi che sta nascendo per occuparsi di tutte le tematiche legate all’immigrazione. «In una realtà globalizzata come quella in cui viviamo», prosegue Beni, «non si può continuare ad avere paura del “diverso”. L’integrazione è necessaria non solo a parole, un dialogo non lo si può inventare lo si deve costruire con attenzione e interesse vero».

La scommessa di questo Forum è, infatti, proprio la ricerca di partecipazione dal basso degli africani (delle donne, delle fasce più povere della popolazione), e i temi portanti del meeting saranno la lotta all’Aids (in Africa ogni giorno muoiono almeno 6mila persone e vivono circa 90 milioni di sieropositivi), il peso del debito, la sovranità alimentare, gli accordi di commercio imposti dall’Europa e dai paesi più ricchi, i diritti delle donne.

«Questo è un Paese dove ci sono le persone più povere e violentate della terra, i loro fondamentali diritti negati, c’è la voglia di liberarsi dalla violenza che li opprime. C’è la voglia di riscatto di tutti quei milioni di persone che ogni giorno sono costretti a combattere la guerra più difficile: quella contro il morso della fame e dell’ingiustizia», commenta Flavio Lotti, uno degli organizzatori italiani del meeting e coordinatore nazionale della Tavola della Pace.

«Ma non si può dimenticare che c’è un movimento dinamico a livello internazionale che ha molti attori in Africa». Ridabisce il comboniano padre Daniele Moschetti, che la situazione dell’Africa la conosce bene. «Faccio il missionario in queste terre dimenticate da molto tempo. Qui a Korogocho, una delle 199 baraccopoli di Nairobi, la situazione è drammatica. Nairobi conta 4 milioni di persone e di questi 2,5 milioni vive costretta in meno del 5% del territorio cittadino, le bidonville appunto con tutte le problematiche connesse: la carenza di istruzione, gli enormi problemi sanitari, droga, alcool e prostituzione, per non parlare dell’AIDS. Eppure non c’è rassegnazioni in questa gente, ma sono i potenti che devono cominciare a guardare all’Africa in modo diverso. Questo non è più un territorio solo da sfruttare, ma la realtà di un popolo forte che vuole la dignità che gli spetta».

«People struggles, people alternatives», le lotte dei popoli, le alternative del popolo. Sotto questo unico slogan la cinque giorni kenyota continua con 1200 iniziative tra dibattiti, tavole rotonde, convegni, confronti e spettacoli.

 

Approfondimento:

Sulla realtà di Nairobi: Alex Zanotelli, Korogocho : alla scuola dei poveri, Feltrinelli ed., 2003.

Fonti per questo articolo:

http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=62928

http://www.swissinfo.org/ita/prima_pagina/detail/L_altra_Davos_si_riunisce_a_Nairobi.html?siteSect=105&sid=7429649&cKey=1169226225000

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: