missione safa

Sito di informazione della missione di Safa dei Canonici Regolari Lateranensi

9 gennaio 2007 – lavoro e pizza

Posted by missionesafa su gennaio 9, 2007

Sono in ritardo per il mio articolo quotidiano. Ho appena finito di parlare con una mamma che vorrebbe lavorare alla missione, vedova da un mese e incapace di pagare un’urgente operazione allo stomaco del suo più piccolo figlio.

L’idea che qualcuno cominci a chiedere lavoro per far fronte ai propri bisogni mi rallegra perchè significa che sta scemando l’idea del “mu na mbi”, “dammi”, e sempre più cresce una nuova idea di sè, delle proprie possibilità. Da un altro punto di vista vedo accentuarsi l’impotenza di tante persone che non riesce a far fronte alle richieste quotidiane del proprio vivere. Lo stato non c’è, la famiglia s’indebolisce, la solidarietà diventa sempre più precaria perchè ciascuno pensa al proprio.

—>>

Certamente non potrò dire no malgrado alla missione lavorino già 22 persone, 9 operai fissi e 13 donne adottate per un anno con regolare stipendio. Si, donne, perchè più attente alle urgenze della famiglia, al domani dei figli…gli uomini insistono nei loro piaceri, non condividono i loro beni e le loro attività (tranne qualche eccezione). Alcool, altre donne..etc riescono perfino a far dimenticare i propri bambini.

Vorrei che tutte le donne della Safa avessero un lavoro, crescerebbero in dignità, nel quotidiano, e con loro il futuro dei loro figli, ed invece spesso non possono neanche inviarli alla scuola perchè non hanno il denaro per pagare l’anno scolastico, o un quaderno…

E’ stata una normale giornata, piena di cose. Ci impegnano soprattutto i lavori di costruzione delle tre cappelle di Saguila, Mouscou (quasi ultimata) e Poto Poto. Domani cominceremo le fondazioni della scuola di Saguila. La gente in questo villaggio lavora sodo, ci tiene alla loro scuola, i loro figli ora debbono fare 13 km a piedi per arrivare a lezione (e13 a ritorno). Tutti, veramente tutti, anche i capi villaggio, lavorano sodo per sradicare alberi, portare le pietre per la fondazione e la ghiaia. Penso che domani saranno pieni di gioia.

Vado, debbo prepararmi l’insalata, la nuova insalata del mio orto, bella, verde, a larghe foglie…sono i semi che papà mi mette sempre da parte. E tra qualche giorno anche i pomodorini a ciliegia. Ho pensato che con i primi mi farò una bella pizza. Giusto per non dimenticare che sono anche un po’ figlio di mamma Napoli. A domani. Sandro

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: